Notizie flash
Concorso per avvocatura 2010:
Stalking al candidato, col parere (in proposito) richiestogli all’esame per avvocato...
Sul reato di omesso versamento di imposta
Valutazione utente: / 1
Scritto da Administrator   
giovedì 09 maggio 2013
1. Sull’autore del reato di omesso versamento di imposta

2. sulla confiscabilità(e sequestrabilità)dei beni dell’amministratore o del liquidatore di società di capitali, per inadempimento di questa;

3. sulla legittimità del sequestro preventivo in materia, e sulla rimessione della individuazione dell’oggetto della confisca (o del sequestro previo) all’organo esecutivo (PM);

4. su una possibile retroattività della applicazione della legge 144/07

Leggi tutto...
Palpeggiamento del sedere? Violenza sessuale a tutti gli effetti.
Valutazione utente: / 0
Inviato da Pietro Diaz   
venerdì 28 dicembre 2012
La riduzione della fattispecie legale di “congiunzione carnale”, vigente fino all’anno 1996, alla fattispecie legale di “atti sessuali”, cioè, il passaggio, della fattispecie legale di “violenza sessuale”, dalla compenetrazione di corpi (per vie usuali o inusuali) al contatto tra (parti qualunque) di corpi, la successiva riduzione della fattispecie legale (plurale) di “atti sessuali” alla fattispecie giurisprudenziale (singolare) di “atto sessuale”, per giunta, nella versione, bastante, di unico tocco ( su sfondo genericamente sessuale):
Leggi tutto...
(le pene di) Gomorra…bene intesa…
Valutazione utente: / 0
Inviato da Pietro Diaz   
martedì 15 maggio 2012
L’autore della legge penale, con l’arma della “pena” (sempre al fianco), offende la persona del reo, così come questo offende(rebbe) altro;

ma mentre questo è punito, quello non lo è;

eppure entrambi sarebbero offensori, offensori sociali, cioè partecipi e originari del medesimo composto sociale, che contiene la regola di eguaglianza generale, della legge eguale per tutti, quelli in situazioni eguali, si intende, non in situazioni diseguali, ma di questi, comunque, ne vieta “distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali” (art. 3.1 cost);

per cui, se l’autore della legge penale, quale offensore del reo, non fosse diseguale a lui quale offensore d’altro, e se il reo non fosse da lui “distin”to per quel divieto, essi dovrebbero essere eguagliati, siccome in situazioni eguali;

peraltro, che, il primo, sia diseguagliabile, dal secondo, poichè offensore del reo per (e con la) legge (cioè perché “legiferatore”, diversamente dal reo, che è “legiferato”), non è (neppure)immaginabile, se, egli, è emanazione, elettiva e giuridica, (anche) del reo, suo rappresentante nell’esercizio di una sua funzione, che esercita esclusivamente in sua vece (non avendo, neppure, la sovranità, per legiferare, che, di fatti, mutua, anche formalmente, dal reo: dal popolo ove questi nasca e viva);

dunque, in questa approssimazione alla loro rispettiva “situazione” (davanti le regola di eguaglianza), essendo entrambi egualmente offensori: entrambi, dovrebbero essere, punibili o non punibili;

Leggi tutto...
<< Inizio < Prec 1 2 3 4 5 6 7 8 Pross. > Fine >>

Risultati 9 - 12 di 30
Copyright 2004 jusdiaz.it per i contenuti e la grafica. Tutti i diritti riservati.;
Copyright 2000 - 2004 Miro International Pty Ltd per il sorgente del portale. Tutti i diritti riservati.